DESCRIZIONE

Situata lungo il breve tratto del fiume Volturno che segna il confine tra Molise e Campania, L’Oasi Le Mortine occupa una lanca fluviale artificiale creatasi in seguito alla costruzione di uno sbarramento per la produzione idroelettrica. L’insieme degli ambienti acquatici è circondato da uno dei boschi igrofili (salici, pioppi, ontani) meglio conservati d’Italia, originariamente di circa 100 ettari (purtroppo intaccato da tagli indiscriminati), di cui l’oasi rappresenta un frammento intatto da almeno 50 anni.
In quest’area, compresa tra le Mainarde e il Matese, il Volturno penetra una fitta coltre boschiva igrofila, frazionata dai rami secondari del fiume che circoscrivono isole impenetrabili dalle caratteristiche uniche; in corrispondenza dello sbarramento Enel si allarga, e le sue acque lente favoriscono lo sviluppo di un canneto che borda anche le sponde del bacino di regolazione.

La vegetazione che un tempo abbracciava l’intero corso del fiume è, in questo tratto, ancora ben conservata: si possono osservare tipici popolamenti ripariali formati da esemplari idrofiti ed elofiti, da vegetazione di greto, da arbusteto e, soprattutto, da bosco igrofilo. Il canneto a Phragmites australis e il tifeto bordano le ripide rive dell’invaso di regolazione Enel e si sviluppano in piccoli lembi nel contiguo bacio antistante lo sbarramento del Volturno.

Nei fossi e nei canali che tagliano il bosco e nei specchi d’acqua effimeri è presente flora semisommersa: giunco, sparto, nasturzio e veronica. I salici affondano le loro radici nel greto creando isole di vegetazione che contrastano l’erosione; il salice da ceste, il salice rosso e il salice bianco dominano il bosco allagato insieme al pioppo bianco e all’ontano nero. Nei margini esterni più asciutti compaiono ornielli, olmi, aceri campestri e qualche esemplare di farnia, residuo delle antiche selve planiziali che si estendevano sulla Piana di Venafro.
Il bacino lacustre e il bosco costituiscono l’habitat ideale di una fauna acquatica diversificata, soprattutto in inverno e nelle stagioni di passo, grazie alla loro posizione sulle rotte migratorie: in primavera vi nidificano germani reali e gallinelle d’acqua, folaghe e svassi maggiori; vi svernano moriglioni, fischioni, alzavole, marzaiole, morette, codoni, e ancora, l’airone cenerino, l’airone rosso, e la garzetta, il tarabusino e il cavaliere d’Italia. Tra i rapaci si incontrano il nibbio bruno, la poiana, l’astore e il gufo di palude.
Nei pressi dell’oasi si trova Venafro, città di origine preromana con caratteristico centro storico, circondata da antiche ed estese coltivazioni di olivo che si spingono verso l’alta valle del Volturno, una zona di grande interesse paesaggistico e naturalistico, costellata di borghi incastellati.

Capriati a Volturno, pittoresca cittadina alle falde del matese, è la porta del Parco Regionale del Matese campano, in prossimità del quale si trovano altre oasi WWF come quelle di Bosco San Silvestre, Guardaregia-Campochiaro, Oasi delle Abetine.